Fresca di laurea non riesce a trovare un lavoro, quindi parte con il suo progetto online per promuovere Leuca

Giulia, 24 anni, neo-laureata in Design della Comunicazione a Milano voleva costruire un suo progetto indipendente sfruttando le competenze acquisite all'università e la flessibilità del web. Inoltre desiderava trovare un modo per crearsi una possibilità di lavoro nel suo amato Salento e iniziare a promuoversi professionalmente dopo il periodo trascorso al nord. Giulia è una giovane ragazza che ama lavorare in team, bere lunghe tazze di caffè, guardare l'alba e anche il tramonto al mare (entrambi sono possibili a Santa Maria di Leuca), mangiare la pasta ai ricci fatta dalla nonna e fare un lavoro in modo autonomo e ha un'attenzione quasi maniacale per i dettagli.  

Finita l'università abbozza vari progetti per iniziare un suo lavoro: marchio di abbigliamento indipendente, vendita di servizi di design, linea di bigiotteria legata al mondo hipster, piattaforma di dog-sitting, ecc. Insomma ha passato una fase vulcanica buttando giù mille idee per poi giungere alla conclusione di partire con un progetto turistico per raccontare le bellezze del proprio paese e dare consigli utili ad abitanti e turisti. Giulia ha voluto così fare un guida turistica online di Santa Maria di Leuca

Nel suo percorso universitario ha anche studiato l'analisi make or buy per scegliere quanto affidarsi a fornitori esterni e quanto invece voler investire internamente per lo sviluppo di un prodotto, servizio o idea. Un’analisi make or buy prevede alcuni passaggi per arrivare a stabilire pro e contro delle due alternative:

  1. Costi > Quanto sono i costi di formazione del team, progettazione e creazione del prodotto, mantenimento del sito web, ecc. da sostenere internamente rispetto ad affidarsi ad un fornitore esterno?
  2. Rischi > Quali sono i rischi connessi ad uno sviluppo interno all'azienda piuttosto che ad un fornitore esterno? Le condizioni contrattuali ti proteggono dai rischi legati al fornitore?
  3. Capacità > Quali competenze ha il proprio team rispetto a quelle richieste dal progetto? Se c'è un gap, è possibile coprirlo con della formazione? 
  4. Tempi > Quanto tempo è necessario per avere il lavoro completato da un fornitore esterno rispetto a sviluppare il prodotto internamente ? 
  5. Qualità > Qual’è il livello qualitativo raggiungibile internamente piuttosto che affidarsi a chi sviluppa quel prodotto come core business aziendale? 

Quindi analizzando la situazione è giunta alla conclusione che affidarsi ad un fornitore esterno fosse più conveniente piuttosto che sviluppare lei stessa il portale web di Santa Maria di Leuca. Per deformazione professionale è ben consapevole dell'importanza che la qualità e la cura per i dettagli del design hanno in un progetto affinché abbia successo. Nella sua valutazione una variabile fondamentale per scegliere l'eventuale fornitore esterno era la qualità del design e la garanzia di continui aggiornamenti, senza i quali un sito web può scadere in fretta. Infatti il suo obiettivo è quello di costruire un portale in cui ci sia un'elevata attenzione ai particolari e una selezione accurata delle informazioni inserite. E' sempre più comune oggigiorno che ci si affidi ad un fornitore esterno piuttosto che alla creazione interna alla propria azienda di un prodotto/servizio. Questo permette di alleggerire di avere un risultato di maggior qualità solitamente in quanto il fornitore si occupa di quel prodotto/servizio come core business. 

Vuoi avviare anche tu un tuo progetto indipendente nel web? Crea il sito web della tua località con Openmondo.